Effetttuare una ricerca per parole chiave

Scopri cosa vuole trovare il tuo pubblico.

Ora che hai imparato come posizionarti sui risultati di ricerca, determiniamo quali parole chiave strategiche scegliere come target nei contenuti del tuo sito Web e come creare tali contenuti per soddisfare sia gli utenti che i motori di ricerca.

Il potere della ricerca di parole chiave sta nella migliore comprensione del mercato di riferimento e di come stanno cercando i tuoi contenuti, servizi o prodotti.

La ricerca per parole chiave ti fornisce dati di ricerca specifici che possono aiutarti a rispondere a domande come:

  • Cosa cercano le persone?
  • Quante persone lo stanno cercando?
  • In quale formato vogliono tali informazioni?

In questo capitolo, otterrai strumenti e strategie per scoprire tali informazioni, oltre a imparare tattiche che ti aiuteranno a evitare le difficoltà di ricerca delle parole chiave e a creare contenuti efficaci. Una volta scoperto come il tuo pubblico di destinazione sta cercando i tuoi contenuti, inizi a scoprire un mondo completamente nuovo di SEO strategico!

Prima di cercare parole chiave, fai domande

Prima di poter aiutare un’azienda a crescere attraverso l’ottimizzazione dei motori di ricerca, devi prima capire chi sono, chi sono i loro clienti e i loro obiettivi.

Questo è dove spesso ci si dimentica di guardare. Troppe persone saltano questo passaggio cruciale della pianificazione perché la ricerca di parole chiave richiede tempo e perché passare il tempo quando sai già che cosa vuoi classificare?(SBAGLIATO)

La risposta è che ciò che vuoi classificare e ciò che il tuo pubblico vuole effettivamente sono spesso due cose selvaggiamente diverse. Concentrarsi sul proprio pubblico e quindi utilizzare i dati delle parole chiave per affinare tali approfondimenti renderà le campagne molto più efficaci rispetto alle parole chiave arbitrarie.

Ecco un esempio. Da Mario Gelati (una gelateria vegana senza glutine con sede a Roma) ha sentito parlare di SEO e vuole essere d’aiuto per migliorare come e con che frequenza compaiono nei risultati di ricerca organici. Per aiutarli, devi prima capire un po ‘di più sui loro clienti. Per fare ciò, potresti porre domande come:

  • Quali tipi di gelati, dessert, snack, ecc. Cercano le persone?
  • Chi sta cercando questi termini?
  • Quando le persone cercano gelati, snack, dessert, ecc.?
    • Ci sono tendenze stagionali durante l’anno?
  • In che modo le persone cercano il gelato?
    • Quali parole usano?
    • Che domande fanno?
    • Altre ricerche vengono eseguite su dispositivi mobili?
  • Perché le persone cercano il gelato?
    • Le persone sono alla ricerca di un gelato attento alla salute in modo specifico o stanno solo cercando di soddisfare i più golosi?
  • Dove si trovano i potenziali clienti – a livello locale, nazionale o internazionale?

E infine – ecco il kicker – come puoi aiutare a fornire i migliori contenuti sul gelato per coltivare una comunità e soddisfare ciò che tutte quelle persone stanno cercando? Fare queste domande è un passaggio di pianificazione cruciale che guiderà la ricerca di parole chiave e ti aiuterà a creare contenuti migliori.

Quali termini cercano le persone?

Potresti avere un modo per descrivere ciò che fai, ma come fa il tuo pubblico a cercare il prodotto, il servizio o le informazioni fornite? Rispondere a questa domanda è un primo passo cruciale nel processo di ricerca delle parole chiave.

Alla scoperta di parole chiave

Probabilmente hai in mente alcune parole chiave per le quali desideri classificare. Saranno cose come i tuoi prodotti, servizi o altri argomenti trattati dal tuo sito Web e sono ottime parole chiave per le tue ricerche, quindi inizia da lì! Puoi inserire tali parole chiave in uno strumento di ricerca per parole chiave per scoprire il volume di ricerca mensile medio e parole chiave simili. Entreremo nel volume di ricerca in modo più approfondito nella sezione successiva, ma durante la fase di scoperta, può aiutarti a determinare quali varianti delle tue parole chiave sono più popolari tra i ricercatori.

Una volta inserite le parole chiave seed in uno strumento di ricerca per parole chiave, inizierete a scoprire altre parole chiave, domande comuni e argomenti per i vostri contenuti che altrimenti potreste aver perso.

Usiamo l’esempio di un fiorista specializzato in matrimoni.

Digitando “matrimonio” e “fiorista” in uno strumento di ricerca per parole chiave, è possibile scoprire termini molto pertinenti e altamente ricercati come:

  • Bouquet da sposa
  • Fiori da sposa
  • Negozio di fiori da sposa

Nel processo di scoperta di parole chiave pertinenti per i tuoi contenuti, noterai probabilmente che il volume di ricerca di tali parole chiave varia notevolmente. Sebbene tu voglia sicuramente scegliere come target i termini che il tuo pubblico sta cercando, in alcuni casi potrebbe essere più vantaggioso scegliere come target termini con un volume di ricerca più basso perché sono molto meno competitivi.

Dal momento che sia le parole chiave ad alta che a bassa concorrenza possono essere vantaggiose per il tuo sito Web, imparare di più sul volume di ricerca può aiutarti a dare la priorità alle parole chiave e scegliere quelle che daranno al tuo sito web il più grande vantaggio strategico.

Diversifica

È importante notare che interi siti web non si classificano per parole chiave – le pagine lo fanno. Con i grandi marchi, spesso vediamo la classifica della homepage per molte parole chiave, ma per la maggior parte dei siti Web questo non è generalmente il caso. Molti siti Web ricevono più traffico organico verso pagine diverse dalla home page, motivo per cui è così importante diversificare le pagine del tuo sito Web ottimizzando ciascuna per parole chiave unicamente preziose.

Con quale frequenza vengono cercati questi termini?

Scoprire il volume di ricerca

Maggiore è il volume di ricerca per una determinata parola chiave o frase chiave, più lavoro è richiesto in genere per ottenere posizioni più alte. Questa è spesso definita come difficoltà delle parole chiave e occasionalmente incorpora funzionalità SERP; ad esempio, se molte funzionalità SERP (come snippet in primo piano, grafico della conoscenza, caroselli, ecc.) intasano la pagina dei risultati di una parola chiave, la difficoltà aumenterà sensibilmente. I grandi marchi ottengono spesso i primi 10 risultati per parole chiave ad alto volume, quindi se stai iniziando sul Web e stai seguendo le stesse parole chiave, la battaglia in salita per la classifica può richiedere anni di lavoro.

In genere, maggiore è il volume di ricerca, maggiore è la concorrenza e gli sforzi richiesti per raggiungere il successo organico nella classifica. Vai troppo in basso, però, e rischi di non attirare alcun ricercatore sul tuo sito. In molti casi, può essere più vantaggioso individuare termini di ricerca della concorrenza altamente specifici e di minore entità. Nel SEO, chiamiamo quelle parole chiave a coda lunga.

Capire le parole chiave a coda lunga

Sarebbe bello classificarsi al primo posto per la parola chiave “scarpe” … sei sicuro?

È meraviglioso avere a che fare con parole chiave che hanno 50.000 ricerche al mese o anche 5.000 ricerche al mese, ma in realtà questi termini di ricerca popolari costituiscono solo una frazione di tutte le ricerche eseguite sul web. In effetti, le parole chiave con volumi di ricerca molto elevati potrebbero persino indicare un intento ambiguo, che, se scegli come target questi termini, potrebbe metterti a rischio per attirare visitatori sul tuo sito i cui obiettivi non corrispondono ai contenuti forniti dalla tua pagina.

Ricerca parole chiave

Se qualcuno cerca pizza su google, esattamente cosa vuole? Forse vuole conoscere il valore nutrizionale della pizza? Ordinare una pizza? Trova un ristorante per portarci la famiglia? Google non lo sa, quindi offre queste funzioni per aiutarti. Posizionarsi per la parola “pizza” significa che stai probabilmente lanciando una ricerca troppo ampia.

Se stai cercando “pizza”, Google pensa che potresti essere interessato anche a “formaggio”. Non si sta sbagliando ma siamo sicuri sia il suggerimento giusto? Non può saperlo, può solo supporre quello che la maggior parte delle persone che fa quella ricerca voglia.

Il tuo intento era di trovare un posto per la pizza a pranzo? La funzionalità SERP “Scopri più luoghi” è quella giusta.

Il restante 75% si trova nel “mezzo grosso” e nella “coda lunga” della ricerca.

Grafico Coda lunga

Non sottovalutare queste parole chiave meno popolari. Le parole chiave a coda lunga con un volume di ricerca più basso spesso convertono meglio, perché i ricercatori sono più specifici e intenzionali nelle loro ricerche. Ad esempio, una persona che cerca “scarpe” probabilmente sta solo navigando. D’altra parte, chi è alla ricerca della “scarpa da corsa taglia 7 donna rossa al miglior prezzo” ha praticamente in mano il portafoglio!

Le domande sono oro SEO!

Scoprire quali sono le domande che le persone fanno nel tuo spazio – e aggiungere quelle domande e le loro risposte a una pagina di domande frequenti – può generare un traffico organico incredibile per il tuo sito web.

Essere strategici con il volume di ricerca

Ora che hai scoperto termini di ricerca pertinenti per il tuo sito e i relativi volumi di ricerca, puoi diventare ancora più strategico guardando i tuoi concorrenti e scoprendo come le ricerche potrebbero differire per stagione o località.

Parole chiave per concorrente

Probabilmente avrai una lista composta da molte parole chiave. Come fai a sapere quali affrontare prima? Potrebbe essere una buona idea dare la priorità alle parole chiave ad alto volume per cui i tuoi concorrenti non sono attualmente in classifica. D’altra parte, potresti anche vedere quali parole chiave del tuo elenco sono già in classifica per i tuoi concorrenti e dare priorità a quelle. Il primo è fantastico quando vuoi sfruttare le opportunità mancate dei tuoi concorrenti, mentre il secondo è una strategia aggressiva che ti prepara a competere per le parole chiave per cui i tuoi concorrenti stanno già ottenendo buoni risultati.

Parole chiave per stagione o stagionali

Conoscere le tendenze stagionali può essere vantaggioso nell’impostazione di una strategia di contenuto. Ad esempio, se sai che la “scatola di Natale” inizia a spuntare da ottobre a dicembre nel Regno Unito, puoi preparare i contenuti con mesi di anticipo e dare una spinta in questi mesi.

Parole chiave per regione

Puoi indirizzare in modo più strategico una posizione specifica restringendo la ricerca di parole chiave a città, contee o stati specifici in Google Keyword Planner o valutando “interesse per sottoregione” in Google Trends. La ricerca geografica specifica può aiutare a rendere i tuoi contenuti più pertinenti per il tuo pubblico di destinazione. Ad esempio, potresti scoprire che in Texas, il termine preferito per un camion di grandi dimensioni è “grande impianto di perforazione”, mentre a New York, “rimorchio del trattore” è la terminologia preferita.

Quale formato si adatta meglio alle intenzioni del ricercatore?

Nel capitolo 2 abbiamo appreso le funzionalità della SERP. Questo background ci aiuterà a capire come gli utenti desiderano consumare informazioni per una determinata parola chiave. Il formato in cui Google sceglie di visualizzare i risultati della ricerca dipende dalle intenzioni e ogni query ne ha una unica. Google descrive questi intenti nelle Linee guida per la valutazione della qualità come “conosci” (trova informazioni), “fai” (raggiungi un obiettivo), “sito web” (trova un sito Web specifico) o “visita di persona” (visita un locale attività commerciale).

Mentre ci sono migliaia di possibili tipi di ricerca, diamo un’occhiata più da vicino a cinque principali categorie di intenti:

  1. Parole chiave: Informazioni – informative – il ricercatore ha bisogno di informazioni, come il nome di una banda o l’altezza dell’Empire State Building.
Parole chiave informazionali

2. Domande di navigazione: il ricercatore desidera recarsi in un determinato luogo su Internet, come Facebook o la homepage della NFL.

3. Domande transazionali: il ricercatore vuole fare qualcosa, come acquistare un biglietto aereo o ascoltare una canzone.

4. Indagine commerciale: il ricercatore desidera confrontare i prodotti e trovare quello migliore per le loro esigenze specifiche.

Indagine commerciale per parole chiave

5. Ricerche locali: il ricercatore desidera trovare qualcosa localmente, come un bar, un medico o un locale con musica nelle vicinanze.

bar vicino a me

Un passo importante nel processo di ricerca delle parole chiave è il rilevamento del panorama SERP per la parola chiave che si desidera targetizzare al fine di ottenere una migliore misurazione dell’intenzione del ricercatore. Se vuoi sapere che tipo di contenuto desidera il tuo pubblico target, dai un’occhiata alla SERP!

Google ha valutato attentamente il comportamento di trilioni di ricerche nel tentativo di fornire i contenuti più desiderati per ogni ricerca di parole chiave specifica.

Prendi la ricerca “abiti”, ad esempio:

Ricerca parola chiave abiti

Dal carosello dello shopping, puoi dedurre che Google ha determinato che molte persone che cercano “abiti” vogliono acquistare abiti online.

Esiste anche una funzione Locale per questa parola chiave, che indica il desiderio di Google di aiutare gli utenti che potrebbero cercare rivenditori di abbigliamento locali o nella loro zona limitrofa.

Se la query è ambigua, Google a volte includerà anche la funzione “perfeziona per” per aiutare gli utenti a specificare ciò che stanno cercando. In tal modo, il motore di ricerca può fornire risultati che aiutano meglio il ricercatore a svolgere il proprio compito.

Google ha una vasta gamma di tipi di risultati che può essere pubblicato in base alla query, quindi se hai intenzione di scegliere come target una parola chiave, cerca la SERP per capire quale tipo di contenuto devi creare.

Alcune delle funzionalità più nuove sono però presenti solo in America in quanto sono in fase di test, e una volta testate vengono rilasciate a livello mondialo o in zone specifiche per altri test.

Strumenti per determinare il valore di una parola chiave

Quanto valore aggiungerebbe una parola chiave al tuo sito Web? Questi strumenti possono aiutarti a rispondere a questa domanda, in modo da fare grandi aggiunte al tuo arsenale di ricerca di parole chiave:

  • SeoZoom: è sicuramente lo strumento più avanzato che ci sia per il mercato italiano. Non solo fa delle analisi giornaliere sul posizionamento delle parole chiave, ma da permette anche di avere informazioni aggiornate durante la scrittura di articoli, la selezione delle maggiori parole chiave e la reportistica delle stesse. Per chi non avesse tempo offre anche la possibilità di collaborare con scrittori esperti di Seo che si occuperanno di preparare i contenuti al vostro posto.
    • Bonus! Il punteggio “Difficoltà” di Keyword Research può anche aiutarti a restringere le opzioni di parole chiave e frasi per le quali hai la miglior opportunità. Più alto è il punteggio di una parola chiave, più difficile sarà classificarsi per quel termine. Il più economico presente sul mercato.
  • Google Keyword Planner – Lo Strumento di pianificazione delle parole chiave AdWords di Google è stato storicamente il punto di partenza più comune per la ricerca di parole chiave SEO. Tuttavia, lo Strumento di pianificazione delle parole chiave limita i dati del volume di ricerca raggruppando le parole chiave in secchi di grandi volumi. Per saperne di più, dai un’occhiata ai Segreti sporchi di Google Keyword Planner.
  • Google Trends – Lo strumento di tendenza delle parole chiave di Google è ottimo per trovare fluttuazioni stagionali delle parole chiave. Ad esempio, le “idee divertenti per i costumi di Halloween” raggiungeranno il picco nelle settimane prima di Halloween.
  • ahref: Sicuramente lo strumento più avanzato che ci sia per qualsiasi tipo di mercato o lingua. Permette di avere un monitoraggio incredibilmente preciso per tutte le attività svolte. L’unica pecca di questo programma è il costo, ma con quello che permette di fare ammoritizzare i costi è veramente molto facile.
  • SemRush: Uno strumento simile a hfref ma con alcune funzionalità in meno. Tra le cose che abbiamo in meno c’è anche il costo, nettamente inferiore.
  • Semscoop: un programma che permette di fare analisi e indagini specifiche in SERP. Il migliore per vedere la concorrenza in Serp per Geolocalizzazione e lingua.
  • Keyword Tool: probabilmente il migliore a fare analisi solo sulle parole chiave e competizione. Permette anche di focalizzare la ricerca delle parole chiave al di fuori di Google, su Youtube, Bing, Amazon, eBay, Play Store, Instagram e Twitter
  • SpyFu: fornisce alcuni dati di parole chiave competitivi davvero accurati.
  • BigSpy: Abbastanza nuovo ma decisamente molto utile, permette di guardare tutte le pubblicità per una determinata KW su Facebook, Instagram, YouTube, Admob, Twitter, Pinterest e Yahoo, in questo modo è possibile vedere le campagne pubblicitarie più efficaci e copiarle con la sicurezza di un ottimo risultato.
  • WooRank: molto utile per trovare gli errori e le mancanze nel codice delle pagine agli occhi dei motori di ricerca. Suggerisco di usare la sua versione gratuita quando possibile.
  • Screaming Frog: sicuramente il miglior crawler disponibile, permette di fare analisi tecniche avanzate.(consigliato solo ad esperti SEO e Analytics)

Ora che sai come scoprire ciò che il tuo pubblico sta cercando e con quale frequenza, è tempo di passare al passaggio successivo: creare pagine in un modo che gli utenti apprezzino e che i motori di ricerca possano capire. Vai al capitolo 4 (ottimizzazione sul sito)!

Oleksandr Icon

Aumenta il tuo traffico con una strategia SEO efficace
Facile da imparare, semplice da eseguire con risultati visibili da subito

Strategia Social